Navigare anonimamente in internet, guida per Linux Ubuntu Hardy Heron (8.04)

Anonymous

Anonymous

Ho trovato un’ottima guida su: e-pillole.com.

Per navigare in modo anonimo servono due strumenti: Tor e Privoxy.

Installazione di Tor su Ubuntu Hardy heron:

Per installare TOR, è preferibile utilizzare le repository ufficiali del progetto TheOnionRouter, così da poter installare sempre la versione più aggiornata e ovviamente più stabile. Il primo passo per l’installazione di TOR, consiste quindi nel modificare il file /etc/apt/sources.list con il vostro editor di testo preferito, e aggiungere le repository adatte alla vostra distribuzione Ubuntu.

deb http://mirror.noreply.org/pub/tor hardy main
deb-src http://mirror.noreply.org/pub/tor hardy main

Chiudete e salvate il file /etc/apt/sources.list.
Ora, importate la chiave gpg digitando i seguenti comandi:

gpg --keyserver subkeys.pgp.net --recv 94C09C7F
gpg --fingerprint 94C09C7F

A questo punto digitate:

gpg --export 94C09C7F | sudo apt-key add -

Aggiornate i pacchetti del vostro sistema da root o come sudo:

sudo apt-get update

In questo modo, sarà possibile installare da apt la versione sempre più aggiornata di TOR, digitando molto semplicemente:

sudo apt-get install tor

Completata l’installazione, tor è configurato e già funzionante come servizio (solo come client) ed il file di configurazione di default non necessita di alcuna modifica.

Installazione di Privoxy:

Installato TOR, per la navigazione web è necessario installare Privoxy, un filtro per web proxy che lavora perfettamente con TOR.
Per installare Privoxy, digitate da terminal come root o da sudo:

sudo apt-get install privoxy

Completata l’installazione, è necessario configurare Privoxy per essere utilizzato in combinazione con TOR. Per fare ciò bisogna apportare alcune modifiche al file di configurazione.
Aprite con il vostro editor di testo preferito il file /etc/privoxy/config e aggiungete in cima al file di configurazione quanto segue:

forward-socks4a / localhost:9050 .

N.B. Non dimenticatevi di inserire il punto a fine riga.

Uletriore modifica che è opportuno fare al file di configurazione di Privoxy, è legata ai log. Siccome Privoxy conserva un file di log per tutto ciò che viene visualizzato di una pagina web, è preferibile disabilitare i log. Per farlo occorre commentare due righe inserendo un # ad inizio linea. Le due righe in questione sono:

logfile logfile

e

jarfile jarfile

Chiudete e salvate il file /etc/privoxy/config, e per rendere effettive le modifiche apportate a Privoxy, è necessario riavviare il servizio con il seguente comando via terminal:

sudo /etc/init.d/privoxy restart

Fatto ciò, TOR e Privoxy sono correttamente installati sulla vostra Ubuntu e pronti per essere utilizzati.
Configurazione browsers per navigare con TOR e Privoxy
Ora che TOR e Privoxy sono attivi e configurati a dovere sulla vostra macchina, per navigare dietro proxy garantendosi un discreto livello di anonimato, è necessario configurare il vostro browser.

Configurazione di Firefox:

Se utilizzate Firefox, il metodo più semplice e comodo (basta un click) per attivare la navigazione web utilizzando TOR ogni volta che lo si desidera, consiste nell’installare il plugin TOR button disponibile tra le estensioni di Firefox e che può essere scaricato gratuitamente al seguente indirizzo: TOR button. In alternativa potete configurare manualmente le impostazioni relative alla connessione come descritto di seguito per gli altri browsers.

Alcune precisazioni:

E’ utile precisare un importante aspetto: una volta installati e configurati, Tor e Privoxy gireranno come servizi sulla vostra Debian o Ubuntu, e di conseguenza verranno avviati al boot ogni volta. Nel caso in cui non desideriate che ciò accada, installate rcconf e utilizzatelo per deselezionare i due servizi in questione togliendo l’asterisco.
Se non avvierete TOR e Privoxy al boot della vostra macchina, sarà necessario avviarli manualmente ogni volta che vorrete utilizzarli. Per fare ciò, trattandosi di servizi, molto semplicemente dovrete digitare da terminal come root o da sudo:
– per avviare TOR:

sudo /etc/init.d/tor start

– per avviare Privoxy:

sudo /etc/init.d/privoxy start

Quando invece vorrete arrestare i due servizi in questione, basterà digitare da terminal:
– per arrestare TOR:

sudo /etc/init.d/tor stop

– per arrestare Privoxy:

sudo /etc/init.d/privoxy stop

Ovviamente, per riavviare i due servizi in questione, basterà digitare da terminal:
– per riavviare TOR:

sudo /etc/init.d/tor restart

– per riavviare Privoxy:

sudo /etc/init.d/privoxy restart

In via generale, grazie a questa guida molto semplice, disponete ora di tutto ciò che serve per navigare in modo anonimo con la vostra Debian o Ubuntu, così da garantirvi un discreto livello di privacy.
Avviare/Arrestare/Riavviare TOR e Privoxy con un solo comando
Se utilizzate spesso TOR e Privoxy per navigare anonimi sulla vostra Ubuntu, ma non li avviate come demoni (servizi) al boot della vostra macchina, avrete spesso la necessità di avviare, arrestare o riavviare manualmente i due servizi in questione. Molto probabilmente troverete decisamente scomodo dover digitare ogni volta uno per uno i comandi sopra riportati.
Per evitare questa scocciatura, potete utilizzare un semplicissimo script che vi permetterà di avviare, arrestare o riavviare sia TOR che Privoxy, con uno solo comando.

Chiameremo lo script anonymity e lo salveremo in /usr/local/bin/ così da poterlo eseguire da sudo come un comando. Sostituendo gedit con il vostro editor di testo preferito, digitate:

sudo gedit /usr/local/bin/anonymity

e incollate quanto segue:


#!/bin/bash

while :
do

clear

echo “—————————————————————|”
echo ” [ANONYMITY] |”
echo ” |”
echo ” [TOR + PRIVOXY] |”
echo ” START/STOP/RESTART |”
echo “—————————————————————|”
echo
echo
echo “Hey $USER !! `hostname` is ready !!”
echo
echo “How can I help you ??”
echo
echo “[1] – START Tor + Privoxy”
echo “[2] – STOP Tor + Privoxy”
echo “[3] – RESTART Tor + Privoxy”
echo
echo “[X] – EXIT”
echo
printf “Please. . .select your choice and press ENTER: ”

read cmd

case “$cmd” in

“1” )
echo
echo “OK $USER I’ll start TOR + PRIVOXY. . .”
echo
echo
echo “`/etc/init.d/tor start`”
echo
echo “`/etc/init.d/privoxy start`”
echo
exit 0
;;

“2” )
echo
echo “OK $USER I’ll stop TOR + PRIVOXY. . .”
echo
echo
echo “`/etc/init.d/tor stop`”
echo
echo “`/etc/init.d/privoxy stop`”
echo
exit 0
;;

“3” )
echo
echo “OK $USER I’ll restart TOR + PRIVOXY. . .”
echo
echo
echo “`/etc/init.d/tor restart`”
echo
echo “`/etc/init.d/privoxy restart`”
echo
exit 0
;;

“X” | “x” )
echo
echo “OK $USER see ya. . .”
echo
echo “Bye Bye”
echo
echo
exit 0
;;

* )
echo
echo “————————————————————-”
echo “ERROR !!!”
echo “========>> Please select choice 1,2,3, or X. . .!!!”
echo “————————————————————-”
echo
echo “Press a key. . .and let’s try again. . .”
read
;;

esac

done

Chiudete e salvate il file, e rendete lo script eseguibile digitando:

sudo chmod a+x /usr/local/bin/anonymity

A questo punto potrete avviare, arrestare o riavviare TOR e Privoxy digitando semplicemente:

sudo anonymity

Dovendo avviare due servizi, il comando andrà eseguito come root o da sudo. Modificatelo a vostro pacimento in relazione alle vostre necessità. Buon divertimento…

Riferimenti:

Se utilizzate una distribuzione diversa di Ubuntu o se usate la Debian la guida completa è su: http://www.e-pillole.com/linux/post/8/installare-tor-e-privoxy-su-debian-e-ubuntu/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: